iktomi

Tragedia in Nordamerica: giovane guerriero cade mentre danza in cielo e muore

C’è grande tristezza oggi nell’accampamento irochese dove vive Onatah, madre di sette figli che ieri ha visto morire il maggiore e partire per sempre gli altri sei.

A raccontarci l’accaduto è Kaiiontwa’kon, fratello di Onatah e zio dei ragazzi.

“Il padre dei ragazzi è morto quando il più piccolo era appena nato. Da allora, mia sorella è sempre stata molto protettiva nei loro confronti. Odiava quando uno di loro si doveva per qualsiasi motivo allontanare dalla tenda o, peggio ancora, dal villaggio.

Io ho cercato di fare ciò che è giusto che uno zio faccia: ho insegnato loro l’arte della guerra e della caccia. Ogni giorno, suonavo il tamburo davanti alla loro tenda, in modo che potessero esercitarsi nelle danze rituali. Mia sorella non ne era contenta, ma era inevitabile che i ragazzi facessero il loro percorso per diventare uomini e non rimanere bambini.

Ieri, il fratello maggiore, Otetiani, ha deciso che era il momento di partire per una spedizione e mettere alla prova la loro abilità. Ha chiesto a Onetah di dar loro delle provviste, ma lei si è rifiutata, pensando di poterli trattenere. Loro hanno cominciato a fare una danza propiziatoria, per mostrare che le loro intenzioni erano serie, poi sono ritornati a chiedere cibo.

Per tre volte hanno danzato e per tre volte sono andati da Onetah, ma lei si è sempre rifiutata di dar loro provviste.

Alla quarta danza, Otetiani ha iniziato a intonare il canto di Gihaya, il più potente tra quelli che gli avevo insegnato. Allora, tutti i fratelli hanno cominciato ad alzarsi in cielo mentre danzavano, sempre più in alto.

Onetah se ne è accorta e ha cominciato a implorarli di fermarsi, di tornare giù da lei. Ho sentito Otetiani dire agli altri di non guardare giù per nessun motivo, ma alla fine lui stesso ha ceduto. Appena ha guardato verso la madre, la magia che lo teneva su si è spezzata e lui è caduto.”

Il giovane era ormai arrivato abbastanza in alto da rendere fatale la caduta. Quando è arrivato a terra, il suo corpo è però sparito nel nulla, lasciando la madre senza nemmeno un cadavere da piangere. Intanto, gli altri fratelli hanno continuato la loro ascesa in cielo e nessuno li ha più visti.

“Sono il primo a essere addolorato per quel che è successo” dice Kaiiontwa’kon. “Ma guardando in basso, Otetiani ha fallito la sua prova, dimostrando di non essere in grado di staccarsi dalla casa dove è nato e intraprendere un suo cammino nel mondo.

Certo, Onetah ha sbagliato nel cercare di trattenerli. Ma sapendo quanto è stato traumatico per lei perdere il marito, non mi sento di giudicarla.”

[14]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *