scozia

Scozia: spirito si rivela per cercare assoluzione

Con l’avvicinarsi della notte di Ognissanti, si fa sempre più labile il confine tra mondo dei vivi e mondo dei morti.

Arriva da Newburgh, Scozia, la notizia di un caso di contatto tra vivi e morti.

John (nome di fantasia) stava passeggiando per il suo campo, quando uno spirito lo ha aggredito. Benché privo di un corpo mortale, lo spettro ha colpito ripetutamente l’uomo con grande violenza, strappandogli i vestiti e provocandogli diversi lividi. Solo dopo una dura lotta John è riuscito a tenerlo a bada.

Alla fine, lo spirito si è calmato e ha rivelato di essere un ex canonico della parrocchia di Newburgh. La sua anima era stata condannata alla dannazione per diversi peccati compiuti in vita, in particolare il furto di tre cucchiai d’argento di proprietà della parrocchia. Lo spettro ha implorato John di recuperarli dal luogo dove li aveva nascosti, restituirli al parroco e pregare per la sua assoluzione.

Sebbene spaventato (e un po’ risentito per l’iniziale aggressione), John ha provato pietà per l’anima del canonico, intuendo le sofferenze inumane che stava attraversando.

John e il parroco hanno ritrovato i cucchiai nel luogo indicato dallo spettro. Durante la sera, il parroco ha inoltre celebrato una messa solenne per l’anima del dannato.

“Ovviamente, dovrà comunque scontare un congruo periodo di penitenza in Purgatorio, e questa è una cosa che noi vivi non abbiamo alcun potere di cambiare” ha puntualizzato. “Ma, almeno, redimendosi dal furto dei cucchiai l’ex-canonico dovrebbe essere riuscito a passare nell’aldilà, invece di rimanere prigioniero a metà tra i due mondi, in una condizione di estrema sofferenza che lo stava rendendo più simile a un animale che a un essere umano.”

Per quanto riguarda John, al momento l’uomo è a letto malato. La guaritrice del villaggio dice che la febbre alta che sta sperimentando è abbastanza comune tra chi ha contatti così diretti con fantasmi o creature magiche. Di solito, passa da sola nel giro di pochi giorni e il caso di John non sembra presentare complicazioni.

[11]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *