nord-africa

Marocco: mistero sul faqih trovato morto l’indomani del matrimonio

Kalidah, vent’anni, viveva da sempre con la sorella e il padre vedovo in una modesta abitazione. Ogni giorno, usciva per dare acqua alle piante di menta davanti alla porta.

Proprio in uno di questi momenti l’aveva notata Issam, uno dei faqih più rispettati della zona per la sua conoscenza della legge, nonché per la sua fama di uomo devoto. Issam aveva ottenuto dal padre di Kalidah la mano della ragazza e ieri i due si sono sposati.

Questa mattina, però, l’uomo è stato trovato morto, probabilmente stroncato da un attacco al cuore, e la giovane sposa tramutata in una statua di cera nel letto nuziale. Al momento, l’ipotesi più accreditata è quella di un maleficio e i sospetti si concentrano sulla prima moglie del faqih, che nessuno sa dove si trovi al momento.

Una seconda ipotesi

Non è però convinta di questa versione dei fatti Rachida, sorella della giovane sposa.

Secondo una sua testimonianza, Kalidah le aveva raccontato come, prima di chiederla ufficialmente in sposa, il faqih avesse provato a insidiarla in modo tutt’altro che rispettabile. Lei aveva respinto con decisione le sue avances, trovando ripugnante un simile comportamento da un uomo che aveva l’età di suo padre ed era considerato da tutti devoto e rispettabile.

Rachida racconta inoltre come, subito prima delle nozze, Kalidah sia rimasta per molto tempo a discorrere con una loro zia (al momento, irreperibile per commentare i fatti). Il suo sospetto è che tale zia le abbia consigliato un modo per fuggire al matrimonio che le era tanto odioso.

Per Rachida è probabile che la statua di cera trovata nel letto non sia altro che, appunto, una statua di cera usata da Kalidah per coprire la sua fuga e che il faqih abbia avuto un attacco di cuore per la rabbia una volta scoperto l’inganno.

[9]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *