islanda

Islanda: coppia muore cercando di portare zuppa in cielo

Chiunque giri per l’Islanda in questi giorni non può fare a meno di notare un’insolita abbondanza di licheni gialli, spuntati misteriosamente nella giornata di martedì.

A spiegarcene l’origine è Kidhus, un elfo che vive nella regione occidentale dell’isola.

“Non lontano da casa mia, vivevano un vecchio e una vecchia” racconta. “Una coppia come tante altre, non fosse che la vecchia aveva una strana e preziosa fusarola di oro puro, un oggetto stupendo che lei usava per filare come se nulla fosse. Qualche giorno fa, mi sono messo in testa di averla e, con la mia magia, l’ho fatta cadere di mano alla vecchia e rotolare fino alla mia dimora.

Il giorno dopo, il vecchio è venuto a lamentarsi. Diceva che gli dovevo qualcosa in cambio della fusarola che avevo rubato a sua moglie. Io non avevo voglia di discutere, così gli ho chiesto cosa volesse. Mi ha chiesto una mucca che desse venti pinte di latte alla volta, e io gliel’ho data.”

La questione non si è però chiusa qui. Con il latte, la vecchia ha pensato di fare una zuppa ma, mancandole la farina d’avena, ha mandato il marito a chiederne a Kidhus.

“Di nuovo, ho accettato, anche se cominciavo a essere un po’ seccato. Magari non mi sono comportato bene in partenza, ma una mucca magica mi sembrava un giusto compenso per una fusarola d’oro. In ogni caso, gli ho dato una botte di farina.”

La vecchia ha così potuto preparare un zuppa, ma così abbondante che i due ne hanno avanzata parecchia. Da donna pia quale tutti la descrivono, ha dunque pensato di portare gli avanzi in cielo, a Santa Maria. Ovviamente, per arrivare in cielo c’era bisogno di una scala adatta e a chi poteva chiederla, se non a Kidhus?

“La terza volta che il vecchio è tornato, non ne potevo davvero più. Manco a dirlo, poi, quei due umani non erano in grado di usare un oggetto del genere. A un certo punto hanno guardato giù, si sono fatti prendere da vertigine e sono caduti. Beh, almeno me ne sono liberato una volta per tutti.”

Pare che i resti della zuppa si siano trasformati nei licheni gialli che oggi abbondano nell’isola. Secondo alcuni, c’è inoltre una zona dove sono spuntati licheni bianchi, che deriverebbero da frammenti di cervello dei due vecchi.

Fonte: [27]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *