castello_sul_mare

Gran Castello sul Mare: re promette fortuna a chi ritroverà la figlia scomparsa

Già negli scorsi giorni erano girate voci non confermate sulla misteriosa scomparsa della principessa Anna, unica figlia del Re di Gran Castello Sul Mare.

Oggi, è stato lo stesso ciambellano di corte a rendere ufficiale la notizia, annunciando che Sua Maestà ha promesso un’enorme ricompensa a chiunque riesca a ritrovare la fanciulla.

Che qualcosa non andasse era stato chiaro a tutti fin da domenica scorsa, quando la principessa non era stata vista a messa. Tra le prime ipotesi, c’era stata quella di una malattia, secondo alcuni simile a quella che aveva causato la morte della regina quattro anni fa.

Ora è però evidente che quelle voci non avevano fondamento. Le notizie ufficiale riportano che la ragazza è sparita durante la notte dieci giorni fa. Il capo delle spie ha ammesso che i suoi agenti non sono riusciti a rintracciarla, ma hanno forti sospetti si sia trattato di un rapimento. Una guardia avrebbe infatti visto un’ombra aggirarsi intorno al castello la notte della sparizione. Secondo il suo racconto, si trattava di un grosso mostro alato, forse un dragone. 

Sono passate solo poche ore dall’annuncio, ma già diversi cavalieri e uomini comuni si sono messi sulle tracce della principessa, allettati dall’idea della ricompensa. Benché il ciambellano non abbia fornito dettagli, in molti sperano che il re abbia intenzione di concedere la mano della principessa, ormai in età da marito, a chi la ritroverà. Qualcuno sospetta che la vaghezza della promessa dipenda dal fatto che il re voglia aspettare di conoscere l’eventuale salvatore prima di sceglierlo come suo genero. Considerato il grande amore che nutre per la figlia, è anche possibile che non voglia prometterla in moglie senza prima averle chiesto il suo parere.

In ogni caso, la ricchezza dei tesori reali e la generosità del re sono note a tutti. Di certo, il fortunato eroe potrà contare su una ricompensa tale da permettergli di vivere nell’agio per il resto dei suoi giorni.

[2]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *