cina

Cina: uomo in difficoltà aiutato da essere fatato con cui era stato amico da ragazzo

Arriva dalla Cina una bellissima storia di amicizia e di riconoscenza.

Chang ha trentanove anni e negli ultimi tempi ha affrontato un periodo di grandi ristrettezze economiche per aiutare un fratello in difficoltà.

La sua situazione iniziava a essere davvero critica, quando è arrivato un aiuto inaspettato.

“Stavo tornando a casa dopo essere stato a trovare mio fratello” racconta Chang. “A un certo punto, ho incontrato un giovane cavaliere, riccamente vestito, di bell’aspetto. C’era in lui qualcosa di familiare, ma non riuscivo a capire cosa. Per un po’, abbiamo camminato insieme, parlando del più e del meno. A un certo punto, lui mi ha detto che gli sembravo triste e mi ha chiesto cosa mi affligesse.

Sul momento, non ho capito perché, ma mi è venuto spontaneo confidarmi con lui. Gli ho parlato delle difficoltà economiche che stavo attraversando. Lui mi ha detto che presto avrei incontrato un vecchio con un dono per me e mi ha chiesto di accettarlo, poi ha speronato il suo cavallo ed è galoppato via prima che io potessi dire nulla. È stato in quel momento che ho realizzato chi era.”

La storia di Chang e del giovane signor Hu

Chang e il cavaliere misterioso si erano conosciuti ventitré anni fa, quando Chang era appena sedicenne. Tutto era iniziato durante una discussione tra Chang e un gruppo di suoi amici. Si parlava della casa di porcellana azzurra, ai margini del villaggio di Lai-Wu, e del fatto che fosse infestata da genii e spiriti.

Tutti i ragazzi erano spaventati dall’idea di incontrare una di quelle creature; tra loro, solo Chang riteneva che non ci fosse nulla di cui aver paura e, per dimostrarlo, si era recato alla casa.

“Mi ricordo ancora di quel giorno” racconta. “Ho bussato alla porta, con educazione. Davvero non avevo paura. I miei mi hanno sempre insegnato che nessuna creatura è malvagia, se non viene provocata.”

La porta si è aperta, Chang è entrato ed è stato accolto da un’entità invisibile, che si è presentata come giovane signor Hu. È stato invitato a fermarsi per cena, ha mangiato ogni tipo di prelibatezze, ha conversato amabilmente con il padrone di casa.

“Mi sembrava di parlare con un ragazzo della mia età, per quanto incredibilmente colto. La prima volta che Hu mi disse di avere circa mille anni, non riuscii a crederci. Ma poi, smisi di pensarci. Io e Hu eravamo diventati molto amici, andavo da lui quasi ogni giorno. Addirittura, mi ha aiutato a sconfiggere una vecchia strega che viveva nel villaggio. I suoi servitori magici si sono attaccati ai miei vestiti sotto forma di polvere bianca, poi hanno aggredito la strega, costringendola a restituire il denaro che aveva sottratto a molte famiglie.”

L’amicizia tra Chang e il giovane signor Hu è durata un anno. Poi, il giovane (si fa per dire) spirito ha dovuto lasciare la casa di porcellana azzurra, poiché gli era proibito abitare in uno stesso luogo per più di un anno.

“Per un anno, Hu era sempre rimasto invisibile ai miei occhi” racconta Chang. “Ma quando ci siamo salutati, per un attimo si è mostrato. È stato un momento così breve che quasi l’immagine non è riuscita a imprimersi nella mia memoria. Per questo ho faticato a riconoscerlo oggi, sulla strada che unisce il villaggio alla capitale.”

Ora però Chang non ha nessun dubbio: il giovane cavaliere incontrato era proprio il signor Hu, il cui aspetto non è invecchiato di un giorno dall’ultima volta in cui l’aveva visto.

La promessa che il vecchio amico gli ha fatto si è rivelata veritiera. Poco dopo, Chang ha incontrato un vecchio che gli ha consegnato un baule pieno d’oro e d’argento.

“Ancora non riesco a crederci” dice Chang. “Grazie al dono di Hu, io e mio fratello non dobbiamo più preoccuparci di nulla. Dopo tanti anni, ho perso di vista quasi tutti gli amici che mi dicevano che dovevo tenermi lontano dalla casa di porcellana azzurra. Non ascoltandoli, ho trovato invece un vero amico, a cui va e andrà sempre la mia riconoscenza.”

[1]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *