cina

Cina: campione di arti marziali messo ko da un vecchio

Qualche settimana fa, la vita di un piccolo villaggio della Cina è stata messa sottosopra dall’arrivo di Tian, campione di arti marziali che vi ha trasferito la sua residenza.

“Non ho mai visto uomo più arrogante di lui in tutta la mia vita” racconta Mei, che insieme al marito gestisce da più di quarant’anni la piccola osteria del paese. “Eravamo tutti terrorizzati dalla sua forza e dai suoi modi di fare. Sapevamo che ci avrebbe aggredito se appena avessimo osato creargli il minimo fastidio.

Poi, però, è successo qualcosa che Tian non si aspettava.

Un giorno, un vecchio si è rifiutato di cedergli il passo lungo la via. Tian si è infuriato e gli ha sferrato un pugno potente.

La sua rabbia è aumentata ancora di più quando il vecchio ha schivato il colpo. Tian gli si è scaraventato addosso, cominciando a massacrarlo di colpi. Il vecchio gli ha tenuto testa, schivando molti colpi e riuscendo a piazzarne qualcuno di leggero, ma ha finito per avere la peggio.

Soddisfatto di aver lasciato il suo avversario a terra tramortito, Tian si è poi recato a casa.

Nei giorni successivi, però, si è accorto che qualcosa non andava. Ha cominciato a sentirsi debole, avere difficoltà nella respirazione e nella digestione, a soffrire di mal di testa sempre più intensi e frequenti.

“Quello che Tian non sapeva è che il vecchio che ha incontrato era stato a suo tempo un grande maestro di arti marziali” racconta Mei. “In tanti ci eravamo rivolti a lui per chiedergli di aiutarci contro il nuovo arrivato, ma lui aveva sempre risposto che avrebbe combattuto Tian solo se fosse stato lui ad attaccarlo per primo.

Ora, finalmente, è successo. Tian pensava di aver vinto, ma quelli che gli erano sembrati colpi leggeri l’avevano in verità colpito in specifici punti vitali, causandogli problemi che sono esplosi nei giorni seguenti.”

Lo stesso Tian ha presto compreso c0s’era accaduto. Si è quindi recato dal vecchio maestro, chiedendo umilmente scusa per il suo comportamento. Il maestro l’ha medicato e accolto come suo nuovo allievo, dicendogli che ha ancora molto da imparare.

[23]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *